Le prose arrabbiate di Biagio Marin e di Manlio Cecovini – 23 agosto 2017

ll Centro Studi Biagio Marin ripropone al pubblico di Grado l’ occasione dell’ analisi del mondo mariniano e dei suoi personaggi. Fra i tanti spicca nell’ ambito di una esperienza fondamentalmente politica e civile, la figura di Manlio Cecovini, protagonista importante della storia triestina e giuliana, di una generazione più giovane di Marin, con cui ha avuto intenso dialogo sia al Circolo della Cultura e delle Arti, sia nell’azione politica in ambito liberale, ma anche sul piano poetico e letterario. Perchè Manlio Cecovini, ricordato oggi prevalentemente in quanto fondatore del Movimento per Trieste, o come sindaco e come deputato europeo, è stato di suo anche scrittore, ammirato soprattutto per i ricordi della seconda guerra mondiale, e come saggista impegnato nella valutazione critica del nostro patrimonio culturale e letterario. E di Biagio Marin ha scritto, curando fra l’ altro la pubblicazione delle poesie in italiano e del carteggio „scazonte”.

Mercoledì sera 23 agosto 2017 sulla terrazza della Biblioteca Civica Falco Marin alle ore 20 e 40 nell’ ambito delle serate organizzate sotto l’ egida della Biblioteca „Metti una sera d’estate sotto le stelle” a parlarne sarà Nino Gregori, già noto per la sua ricerca storica pertinente la regione, di cui ha dato testimonianza in due opere in particolare, „Biagio Marin ai Gradesi” e „Marin caro a Trieste”, oltre beninteso le opere di testimonianza diretta della sua esperienza personale di presidente dell’ Azienda di Soggiorno di Grado e di dirigente.

Nino Gregori ci guiderà lungo le tracce fondamentali del dialogo tra Cecovini e Marin, tra queste quelle riguardanti la scuola della regione nel passaggio dall’ amministrazione asburgica a quella nazionale italiana e sulla dolorosa condanna condivisa della mancanza di coscienza civile della nazione italiana. Uomini di frontiera ambedue, una cosa li divide, ed à generazionale, la necessità per Marin della visione unitaria dei problemi e delle cose, che non è solo politica, ma filosofica.

In margine la copertina di un libro dedicato a Manlio Cecovini con il suo ritratto (2004). ES

Questa voce è stata pubblicata in Appuntamenti-eventi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *